Sfondo_banner_small

Salsa: Portoricana, Cubana, Bachata

Chiunque sia stato attratto e contagiato da questo mondo conosce bene i tre stili musicali che contraddistinguono le danze caraibiche: salsa, bachata e merengue. Entrando più nello specifico ci si accorge, però, che questa catalogazione è ben lontana dall’essere esaustiva. La storia delle danze caraibiche si ritiene essere molto antica (già dalla scoperta dell’America), ed in parte legata alla sfera religiosa, ovvero all’adorazione degli dei attraverso la danza. L’interazione culturale e musicale delle diverse etnie che si verificò, nel corso dei secoli, nell’arcipelago delle Antille, portò alla definizione e allo sviluppo dei diversi ritmi caraibici. Cuba, Portorico, Santo Domingo, Haiti ed altre ancora, diedero il maggior contributo nella caratterizzazione, nei tempi, delle diverse danze caraibiche. La sovrapposizione di grandi masse di schiavi negri (portati dal nord Africa) unite alle tribù locali, portò alla definizione di nuovi ritmi. I colonizzatori spagnoli e portoghesi portatori i gusti musicali europei che miscelandosi al cocktail delle diverse etnie si arriverà alla definizione delle danze caraibiche. Benché le danze caraibiche abbiano origini che risalgono ai secoli scorsi, sono diventate popolarissime in questi anni grazie all’allegria, energia, vivacità e sensualità che trasmettono.

Ad oggi L’Italia risulta essere la più grande esponente di evoluzioni e di caratterizzazioni di queste danze.

Insegnanti: Massimiliano De Scisciolo e Sara De Luca.


Questo sito utilizza dei cookies. Cliccando sulla voce "Chiudi" accetti il loro utilizzo. Per avere maggiori informazioni clicca su "Altre Info" Altre Info | Chiudi
UA-105402181-1